ITDE
   
Text Size

Benvenuti al Centro Giacometti

"Giacometti e Beckett" il 28 luglio a Stampa

Giovedì, 28 luglio 2016, Virginia Marano tiene una conferenza nel Salone Piz Duan a Stampa alle ore 20.00 dal titolo "Giacometti e Beckett - Un dialogo a distanza". Marano parlerà sul rapporto tra lo spazio mentale e lo spazio fisico delle opere di Alberto Giacometti e Samuel Beckett. Sulla base della lettura del contesto storico-artistico nel quale hanno operato i due autori, il suo recente lavoro di tesi in Storia dell’arte, svolto all’Università di Siena, rivela l’esistenza di inaspettate analogie tra il lavoro dei due artisti fino a sostenere l’ipotesi che la dimensione spaziale indagata sia la stessa. Scarica la locandina

Leggi tutto: "Giacometti e Beckett" il 28 luglio a Stampa

 

10 giorni di Piuro 2016: scopri il programma

Scopri il programma della 10 giorni di Piuro 2016 che si terrà dal 26 agosto al 4 settembre, manifestazioni che in parte si allacciano alle commemorazioni in occasione del cinquantesimo dalla scomparsa di Alberto Giacometti. Scarica la locandina
Segnaliamo in particolare la pièce teatrale inedita "L'uomo che voleva scomparire - Dialogo della Natura e di uno scultore" (liberamente ispirato alla vita e all'opera di Alberto Giacometti) di Luca Micheletti e "I Guitti", la mostra "Trascendenze - Sic transit Plurs" di Paolo De Stefani nonché la conferenza sulla Bregaglia quale culla d'artisti con Guido Scaramellini e Marco Giacometti.

   

Il messaggio importante di fotografie scattate nel 1969

Nel lascito di fotografie private di Bruno Giacometti scomparso nel 2012 - ora nell’archivio della Fondazione Centro Giacometti - si trova un album fotografico che documenta la manifestazione commemorativa “Giovanni e Alberto Giacometti” organizzata dalla Società culturale di Bregaglia il 14 e il 15 giugno 1969. L’insegnamento, a quasi 50 anni di distanza da questo evento, è chiaro ed importante: il rispetto nei confronti di grandi prestazioni artistiche, la cura delle relazioni con gli eredi e la collaborazione all’interno della valle hanno permesso di salvare, per la valle, un patrimonio immobiliare ed artistico di inestimabile valore, che, con lo stesso spirito di allora, potremmo notevolmente arricchire.

Leggi tutto: Il messaggio importante di fotografie scattate nel 1969

   

Fondazione Centro Giacometti: rapporto annuale 2015

Stampa, giugno 2016 /  Per la Fondazione Centro Giacometti l'anno scorso è stato dedicato essenzialmente alle preparazioni per le commemorazioni del 2016. Sotto la guida del Comune di Bregaglia la Società culturale di Bregaglia e la Fondazione Centro Giacometti hanno organizzato l'evento tenutosi l'11 gennaio 2016 e coordinato una serie di manifestazioni che sono distribuite lungo tutto l'anno (www.giacometti2016.ch).

Leggi tutto: Fondazione Centro Giacometti: rapporto annuale 2015

   

Manuela Kahn-Rossi: l'origine dei musei d'arte in Ticino

Stampa, 5 luglio 2016 / La storica dell’arte Manuela Kahn-Rossi, già direttrice del Museo Cantonale d’Arte a Lugano, ha parlato a Stampa della storia dei Musei d’arte in Ticino, con uno sguardo rivolto al contributo dei privati (scarica la locandina). Sguardo che si è rivelato molto importante visto il ruolo essenziale giocato da collezionisti, artisti, opinion leader e donatori nell’istituzione sia di musei privati che di strutture pubbliche. Per un lungo periodo l’ente pubblico è infatti stato relativamente assente. Oggi invece il Cantone e diversi Comuni rivolgono alle collezioni e alle mostre temporanee d’arte una particolare attenzione.

Leggi tutto: Manuela Kahn-Rossi: l'origine dei musei d'arte in Ticino

   

Il progetto del Centro Giacometti a Stampa

Il Centro Giacometti è una futura struttura di accoglienza per visitatori in Bregaglia (Grigioni, Svizzera). Vuole rendere omaggio alle famose personalità di Stampa, vale a dire Giovanni, Alberto, Diego, Bruno, Augusto e Zaccaria Giacometti. Il progetto è da vedere sotto l’ottica di una discussione completa e approfondita sulla vita e sull’opera degli artisti e delle personalità di Stampa.
Il Centro Giacometti vuole contestualizzare l'opera dei Giacometti nonché studiare e valorizzare il patrimonio culturale, storico e naturale di questa valle di lingua italiana a cavallo tra l’Engadina e la Lombardia. L'offerta si inserirà anche in un ambito educativo e lavorativo coinvolgendo varie fasce di età e di pubblico.

Il progetto è riconosciuto dal Comune di Bregaglia all'interno della sua strategia di sviluppo e dispone delle basi pianificatorie necessarie nell'ambito del "Polo culturale Stampa". Il Centro Giacometti fa parte dei progetti elencati nella strategia di sviluppo dell'Engadina Alta, della Bregaglia e di Poschiavo sviluppate nell'ambito del processo "Agenda 2030 Grigioni" (scarica il documento).

La Fondazione Centro Giacometti si occupa della realizzazione e della gestione del centro, che contribuirà allo sviluppo sostenibile della Bregaglia. Il Centro considererà l'importanza degli altri centri di vita delle singole personalità; nel caso di Alberto Parigi, Ginevra, Schiers e Maloja, per Giovanni Maloja, per Augusto Firenze e Zurigo, per Zaccaria invece Zurigo.

Nell'anno commemorativo 2016, data che segna il cinquantesimo anniversario dalla scomparsa di Alberto Giacometti, il Centro Giacometti contribuirà al programma commemorativo coordinato dal Municipio di Bregaglia. Presenterà inoltre la visione "Centro Giacometti 2020".

 


 

La Fondazione Centro Giacometti non possiede opere d'arte e non organizza mostre con capolavori degli artisti Giacometti.
Le grandi collezioni, in mostra in tutto il mondo, appartengono alla Fondation Alberto et Annette Giacometti a Parigi e alla Alberto Giacometti-Stiftung a Zurigo.
Per l'autentificazione di opere ritenute di Alberto Giacometti: rivolgersi al Comité Giacometti con sede a Parigi.

   
Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di


 

Membri

ecomunicare 170

 

Statements

Mario Negri

Qualcosa della sua valle, dei suoi monti, i dirupi del Piz Duan, le spaccature fendenti del Sciora, è rimasto come segno indelebile nelle sue sculture. Lo scabro, il roccioso, il ferrigno, l'impervio, il solenne, il disadorno, il solitario, il selvaggio sono rimasti in lui come radici che affondano nella sua terra.
Mario Negri, 1966