ITDE
   
Text Size

Benvenuti al Centro Giacometti

Finissage dell'anno commemorativo il 10 ottobre

La Fondazione Centro Giacometti invita alla finissage dell'anno commemorativo dedicato ad Alberto Giacometti a 50 anni dalla sua scomparsa, che si terrà lunedì 10 ottobre (compleanno dell'artista) alle ore 20.30 nella palestra della scuola Samarovan a Stampa. Verranno proiettati quei filmati di Giacometti Art Walk che vedono tra i protagonisti le persone della valle Bregaglia. Verrà inoltre presentata una serie di fotografie inedite con gli artisti della famiglia Giacometti e persone della val Bregaglia. Ci sarà infine spazio per discutere e riflettere sull'andamento di questo particolare anno e su possibili sviluppi futuri. Il saluto iniziale è a cura di Rosita Fasciati, municipale responsabile per il settore della cultura.
Scarica il volantino

 

Visita alla grande mostra al Kunsthaus di Zurigo

Il Centro Giacometti organizza sabato 12 novembre 2016 una visita alla grande mostra "Alberto Giacometti - Material und Vision" a Zurigo. Alle ore 11.00 il responsabile della collezione Philippe Büttner ci darà il benvenuto e ci spiegherà i retroscena della mostra di capolavori in gesso, pietra, argilla e bronzo che tematizza le basi del lavoro e i processi lavorativi di Alberto. L'autobus partirà alle ore 07.00 da Castasegna in direzione di Maloja, Coira e Zurigo. Le persone che intendono partecipare a questo viaggio culturale sono pregate di contattare Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. oppure il numero di telefono 0041 79 222 43 39 (ENTRO IL 30 SETTEMBRE).

   

Il Consiglio della Fondazione guarda al futuro con fiducia

Stampa, 24 agosto 2016 / In occasione del workshop di un’intera giornata tenutosi a Stampa, il Consiglio della Fondazione Centro Giacometti ha adattato la propria strategia alle attuali circostanze, presentando l’organizzazione su una struttura più ampia. Lo scambio ha fatto emergere prospettive interessanti e molto promettenti per il lavoro nei prossimi anni, dei piccoli passi sono già stati diretti verso alcuni obiettivi esistenti. Questi riguardano ambiti culturali che non vengono ancora colti in Bregaglia. La Fondazione continuerà il suo lavoro di ricerca e divulgazione sulla dinastia dei Giacometti e della loro valle natia e resta come sempre aperta alla collaborazione con altre forze nella valle. Il 2016, anno della commemorazione, ha evidenziato che attività organizzate e coordinate assieme sul tema dei Giacometti hanno il potenziale di attirare un ampio pubblico interessato alla cultura in Bregaglia.


Il Consiglio della Fondazione Centro Giacometti il 24.8.2016, dsad: Rosita Fasciati, Christoph-Beat Graber, Michael Kirchner, Marco Giacometti, Barbara Tholen, Christian Klemm e Andreas Kley

   

Mostra di Alberto Giacometti e Atelier a Stampa

La visita alla mostra "Alberto Giacometti a casa" nel museo Ciäsa Granda e la visita all'Atelier di Giovanni e Alberto Giacometti a Stampa vengono gestiti dalla Società culturale di Bregaglia. Questa società, che nell'anno commemorativo scopre il richiamo del fenomeno Giacometti, utilizza un sito internet con un nome un p'o difficile che contiene i giorni e gli orari di apertura: www.ciaesagranda.ch

   

Piuro e Bregaglia, culla d’artisti

Palazzo Vertemate Franchi, 26 agosto 2016 / È stata inaugurata nella sala di Mercurio e Giove a Palazzo Vertemate Franchi a Prosto di Piuro l’ottava edizione delle “Dieci giorni di Piuro” con un convegno dedicato agli artisti che nel corso dei secoli hanno operato in Bregaglia. Gianni Lisignoli, presidente dell’Associazione italo-svizzera per gli scavi di Piuro, ha inaugurato l’ormai tradizionale manifestazione dedicata quest’anno all’arte in occasione dell’anno commemorativo a 50 anni dalla sua scomparsa di Alberto Giacometti (1901-1966). I relatori Guido Scaramellini e Marco Giacometti hanno presentato una panoramica delle persone creative - sicuramente incompleta - e hanno posto l’accento sulle opportunità di mettere in luce le biografie e l’opera dei nostri artisti anche nell’ottica dello sviluppo economico, argomento appoggiato dal sindaco del comune di Piuro, Omar Iacomella.
Scopri il programma delle Dieci giorni di Piuro 2016

Leggi tutto: Piuro e Bregaglia, culla d’artisti

   

Il progetto del Centro Giacometti a Stampa

Il Centro Giacometti promuove in modo interdisciplinare ed approfondito l'opera delle personalità della famiglia Giacometti in relazione con il patrimonio culturale della valle Bregaglia. Per questo scopo vengono create offerte e strutture capaci di facilitarne l'accessibilità a persone interessate. Si vuole inoltre dare un contributo alla vivacità della vita culturale della valle e al suo sviluppo economico.

Il Centro Giacometti vuole contestualizzare l'opera dei Giacometti nonché studiare e valorizzare il patrimonio culturale, storico e naturale di questa valle di lingua italiana a cavallo tra l’Engadina e la Lombardia. L'offerta si inserirà anche in un ambito educativo e lavorativo coinvolgendo varie fasce di età e di pubblico.

Il progetto è riconosciuto dal Comune di Bregaglia all'interno della sua strategia di sviluppo e dispone delle basi pianificatorie necessarie nell'ambito del "Polo culturale Stampa". Il Centro Giacometti fa parte dei progetti elencati nella strategia di sviluppo dell'Engadina Alta, della Bregaglia e di Poschiavo sviluppate nell'ambito del processo "Agenda 2030 Grigioni" (scarica il documento).

La Fondazione Centro Giacometti si occupa della realizzazione e della gestione del centro, che contribuirà allo sviluppo sostenibile della Bregaglia. Il Centro considererà l'importanza degli altri centri di vita delle singole personalità; nel caso di Alberto Parigi, Ginevra, Schiers e Maloja, per Giovanni Maloja, per Augusto Firenze e Zurigo, per Zaccaria invece Zurigo.


La Fondazione Centro Giacometti non possiede opere d'arte e non organizza mostre con capolavori degli artisti Giacometti.
Le grandi collezioni, in mostra in tutto il mondo, appartengono alla Fondation Alberto et Annette Giacometti a Parigi e alla Alberto Giacometti-Stiftung a Zurigo.
Per l'autentificazione di opere ritenute di Alberto Giacometti: rivolgersi al Comité Giacometti con sede a Parigi.

   
Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di


 

Membri

 

Statements

Guido L. Luzzatto

Cosa potrebbe essere più gradevole, per la gente che ama l'arte in funzione della vita umana, che la visita di quelle abitazioni che non si sono trasformate in luoghi di memoria morti, ma che hanno conservato l'ambiente della vita dell'artista e che sono restate così come quando il pittore vi entrava e vi usciva?
Guido L. Luzzatto, in un articolo nella "Neue Bündner Zeitung" del 20 luglio 1954 intitolato "Visita nella casa nativa di Giovanni Giacometti"