ITDE
   
Text Size

San Giorgio

Una delle due chiese di Stampa si trova direttamente sulla strada cantonale tra Stampa e Borgonovo. La chiesa evangelica di San Giorgio, una costruzione semplice e lineare, è citata negli atti ufficiali per la prima volta intorno al 1327. La forma odierna della chiesa risale ad una ricostruzione avvenuta nel 1694.

Nel 1935, Augusto Giacometti ha abbellito la chiesa con una finestra ad arco dai colori sgargianti dedicata ai suoi genitori. "L’entrata di Cristo a Gerusalemme" è il titolo della finestra della parete d’altare nella chiesa di San Giorgio di Borgonovo. 

Nel cimitero si trovano sepolti tutti gli artisti della famiglia Giacometti: Giovanni, Alberto e Diego nonché Augusto. Anche il professore di diritto pubblico Zaccaria Giacometti ha trovato qui l’eterno riposo.
Nel cimitero di San Giorgio, su una lapide commemorativa, si possono leggere i nomi dei genitori di Giovanni: Alberto Giacometti (1834 - 1900) e Catt. Ottilia nata Santi (1838 - 1904). Su un’altra invece i nomi del padre di Annetta, Giovanni Stampa Baldini (1834 - 1913), il fondatore della scuola del circondario della Val Bregaglia. Sulla stessa lapide è ricordata anche sua figlia Cornelia Giacometti Stampa (1868 - 1905), sorella di Annetta e madre del citato Zaccaria Giacometti. Il professore Giacometti era quindi cugino di primo grado di Alberto e Diego, mentre Augusto era cugino di primo grado di Zaccaria e cugino di secondo grado di Alberto e Diego.

La storia della dinastia di artisti Giacometti ha una radice antica ed è altrettanto ramificata come la loro opera. 

Guarda il vidoe di fagnaz

Giacometti Art Walk

Alberto, le fotografie

Dinastia d'artisti

 

Zaccaria Giacometti

Storia antica Bregaglia

Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di


 

Membri

 

Statements

Guido L. Luzzatto

Cosa potrebbe essere più gradevole, per la gente che ama l'arte in funzione della vita umana, che la visita di quelle abitazioni che non si sono trasformate in luoghi di memoria morti, ma che hanno conservato l'ambiente della vita dell'artista e che sono restate così come quando il pittore vi entrava e vi usciva?
Guido L. Luzzatto, in un articolo nella "Neue Bündner Zeitung" del 20 luglio 1954 intitolato "Visita nella casa nativa di Giovanni Giacometti"