ITDE

Rendere accessibile al pubblico la casa nativa di Augusto e Zaccaria Giacometti

L’11 settembre 2023 si è svolta nel salone Piz Duan a Stampa una tavola rotonda sul patrimonio culturale della Svizzera italiana: Preservare e valorizzare un patrimonio culturale. È stato presentato un relativo progetto immobiliare: l’acquisizione, il restauro e l’apertura al pubblico di parte della casa nativa di Augusto e Zaccaria Giacometti a Stampa. Scarica il volantino Vai alla tavola rotonda dell'11 settembre 2023

Nel corso della tavola rotonda nel salone appena restaurato dell’ex albergo Piz Duan a Stampa, casa nativa di Giovanni Giacometti, sono state trattate domande in relazione al rafforzamento della Svizzera italiana attraverso la cultura e sulle opportunità offerteci in questo ambito da luoghi storici e monumenti architettonici.

Partecipanti alla tavola rotonda:

  • Marco Solari, Presidente del Filmfestival di Locarno
  • Consigliere di Stato Dr. Jon Domenic Parolini, direttore del Dipartimento dell'educazione, cultura e protezione dell'ambiente dei Grigioni
  • Fernando Giovanoli, architetto e sindaco del Comune di Bregaglia
  • Dr. Virginia Marano, storica dell’arte presso l’Università di Zurigo, membro del consiglio della Fondazione Centro Giacometti

Moderatrice: Sabrina von Elten, storica dell’arte, gallerista e giornalista

In seguito il gruppo ha visitato della casa nativa di Augusto e Zaccaria Giacometti ed è stato presentato il progetto di compera e trasformazione di parte dell’edificio sotto la protezione della Confederazione.

 

Biografia Augusto

Storia del Muretto

Alberto, le fotografie

Leggere la Bregaglia

Zaccaria Giacometti

Storia antica Bregaglia

Dinastia d'artisti

 

Giacometti Art Walk

Linea Centro Giacometti

Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di


 

Membri

 

Statements

Mario Negri

Qualcosa della sua valle, dei suoi monti, i dirupi del Piz Duan, le spaccature fendenti del Sciora, è rimasto come segno indelebile nelle sue sculture. Lo scabro, il roccioso, il ferrigno, l'impervio, il solenne, il disadorno, il solitario, il selvaggio sono rimasti in lui come radici che affondano nella sua terra.
Mario Negri, 1966