ITDE
   
Text Size

Arrivederci Giacometti Art Walk

Dal 20 luglio 2022 l'app del Centro Giacometti denominata Giacometti Art Walk non sarà più disponibile sugli app stores. Le nuove richieste a livello di gestione privacy di Google sono sempre più stringenti e richiederebbero di modificare e re-impacchettare l’applicazione. Ma gli strumenti utilizzati per costruirla nel 2016 sono oggi troppo vecchi per poter essere compatibili con il nuovo SDK di Android.
Con dispiacere termina il ciclo di vita di questa applicazione.

Per il Centro Giacometti e tutti gli attori coinvolti in questa sfida è stata una bella avventura, ricca di fatiche, ma anche di molte soddisfazioni.
Ringraziamo di cuore tutte le persone e le istituzioni coinvolte nella pianificazione, realizzazione, gestione e finanziamento di Giacometti Art Walk.

Il Centro Giacometti avrà in futuro l'opportunità di utilizzare, sotto un altro formato, parte dei contenuti, in particolare le apprezzatissime docu-fictions.

Da parte di Bregaglia Engadin Turismo è infatti in fase di preparazione un nuovo Sentiero Giacometti, progetto al quale il Centro Giacometti partecipa con dei contenuti. Cercheremo, lungo questo sentiero, di creare dei contenitori con le storie degli artisti della famiglia Giacometti.
Lavoriamo dunque insieme a Giacometti Art Walk 2.0! Grazie per il vostro sostegno.

Marco Giacometti, presidente della Fondazione Centro Giacometti

Biografia Augusto

Storia del Muretto

Alberto, le fotografie

Leggere la Bregaglia

Zaccaria Giacometti

Storia antica Bregaglia

Dinastia d'artisti

 

Giacometti Art Walk

Linea Centro Giacometti

Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di


 

Membri

 

Statements

Guido L. Luzzatto

Cosa potrebbe essere più gradevole, per la gente che ama l'arte in funzione della vita umana, che la visita di quelle abitazioni che non si sono trasformate in luoghi di memoria morti, ma che hanno conservato l'ambiente della vita dell'artista e che sono restate così come quando il pittore vi entrava e vi usciva?
Guido L. Luzzatto, in un articolo nella "Neue Bündner Zeitung" del 20 luglio 1954 intitolato "Visita nella casa nativa di Giovanni Giacometti"