ITDE
   
Text Size

Manifestazioni commemorative per Augusto Giacometti

L'anno commemorativo dedicato al 75esimo dalla scomparsa del pittore Augusto Giacometti sarà coronato da manifestazioni che si celebreranno in diversi luoghi della Svizzera. Si ricorda l'artista dove si trovano alcune delle sue tracce:
- a Zurigo, dove Augusto ha vissuto e lavorato per molti anni e dove è morto il 9 giugno 1947,
- a Zuoz, dove si trovano due delle sue vetrate prodotte da due artisti del vetro diversi
- a Stampa, il suo villaggio natale, dove crebbe, lavorò e fu sepolto l'11 giugno 1947

BORGONOVO, 5 giugno 2022
ore 10.30,  chiesa San Giorgio
Culto riformato
pastora: Simona Rauch


ZUOZ, 9 giugno 2022
Giacometti und Scartezzini in Zuoz
Visita guidata in tedesco nella chiesa San Luzi, dalle ore 14

guida: Walter Isler


ZURIGO, 9 giugno 2022
ore 17.30, Istituto svizzero di studi d'arte, Villa Bleuler (Zollikerstrasse 32)
Manifestazione commemorativa in occasione del giorno della morte
parleranno:
Beat Stutzer
Denise Frey
Michael Egli
Andreas Kley

in seguito aperitivo
suona:
Carlotta Prevosti
Sono esauriti i posti per questo evento


STAMPA, 11 giugno 2022
ore 15.30, Centro Giacometti (Strada cantonale 119)
Vernice della mostra
Il colore ed io –Augusto Giacometti e Katharina Lichtner, un incontro
in presenza dell'artista
parla:
Virginia Marano

suonano:
Katharina Rikus, contralto
Martin Lehmann, viola

scarica il volantino

BORGONOVO, 11 giugno 2022
ore 17.30, chiesa San Giorgio
Manifestazione commemorativa in occasione del giorno dei funerali
parleranno:
Fernando Giovanoli, sindaco del Comune di Bregaglia
Franco Milani / Alberto Maraffio, Pgi
Marco Giacometti

suonano:
Katharina Rikus, contralto
Martin Lehmann, viola

Biografia Augusto

Storia del Muretto

Alberto, le fotografie

Leggere la Bregaglia

Zaccaria Giacometti

Storia antica Bregaglia

Dinastia d'artisti

 

Giacometti Art Walk

Linea Centro Giacometti

Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di


 

Membri

 

Statements

Mario Negri

Qualcosa della sua valle, dei suoi monti, i dirupi del Piz Duan, le spaccature fendenti del Sciora, è rimasto come segno indelebile nelle sue sculture. Lo scabro, il roccioso, il ferrigno, l'impervio, il solenne, il disadorno, il solitario, il selvaggio sono rimasti in lui come radici che affondano nella sua terra.
Mario Negri, 1966