ITDE
   
Text Size

La presentazione del libro sul passo del Muretto

Stampa, 14.3.2020 /  La presentazione del libro sulla storia del Muretto prevista per il 14 marzo a Stampa è spostata a data da stabilire. Da oggi le manifestazioni culturali nel Cantone dei Grigioni sono proibite.
Il volume di Saveria Masa era stato presentato lo scorso 20.2.20: “È un momento di scambio importante per ricordare secoli di storia”. Queste le parole di saluto di Marcella Fratta, Assessore alla Cultura, Educazione e Istruzione del Comune di Sondrio, che ha invitato alla presentazione del libro di Saveria Masa sulla storia del Muretto. All’invito sono accorsi in molti, da tutta la Provincia di Sondrio, da Lecco e da Bergamo. La Sala “Fabio Besta” della Banca Popolare di Sondrio era gremita, una cornice straordinaria per questa manifestazione culturale, premiando così un’autrice che ha visto concretizzarsi il suo lavoro decennale. Guarda il servizio su teleunica.com di Sondrio.

 

Il Granconsigliere grigione Maurizio Michael ha ricordato l’importanza degli incontri personali intercorsi grazie alla via di comunicazione attraverso lo storico passo del Muretto, ma essenziale anche nei giorni nostri. La viabilità è un argomento di centrale importanza anche per le regioni di confine, che, sfruttando le sinergie con l’oltreconfine, possono improvvisamente trovarsi al centro di flussi di più largo respiro. Il saggio dell’archeologo cantonale grigione Thomas Reitmaier in entrata del volume sottolinea la stima per questo studio che ha implicato ricerche in archivi di varie entità amministrative. “La conoscenza è fondamentale per creare un valore aggiunto che possono ottenere le vie storiche”, ha concluso Michael.

Il contenuto del libro è stato riassunto dalla Presidente emerita della Società storica valtellinese Augusta Corbellini, profonda conoscitrice della storia locale, sorpresa anche lei dalla molteplicità delle rivelazioni riportate nel volume corredato da numerose immagini e da un folto indice toponomastico. Proprio la natura delle relazioni tra le genti delle varie valli retiche limitrofe, “persone che si parlavano molto”, è, secondo Saveria Masa, uno degli aspetti importanti del suo libro. L’autrice, che non ha mancato di ringraziare le persone che la aiutarono nel suo lavoro, ha inoltre citato il ruolo altamente strategico del borgo di Sondrio, elevato dalle Tre Leghe a capoluogo valtellinese proprio grazie alla sua posizione di capolinea della via del Muretto.

Marco Giacometti, infine, che da co-editore ha ringraziato anche a nome della Fondazione Giovanoli le varie associazioni ed enti che hanno reso possibile la stampa del volume, ha evidenziato “l’ottica di crinale e non di pendio” che l’autrice ha scelto per il suo studio: “un approccio essenziale per il successo quando si tratta di analizzare e capire a fondo le relazioni di persone che si muovono lungo un'asse viaria come quella del Muretto”. La strada del Muretto, ha concluso Giacometti, rispetta fino in fondo tutte le condizioni per essere considerata ufficialmente una via storica svizzera proprio anche grazie all’approfondito studio di Saveria Masa.

Fotografia di Piefranco Mastalli, da destra: Marcella Fratta, Maurizio Michael, Augusta Corbellini, Saveria Masa, Marco Giacometti

Biografia Augusto

Storia del Muretto

Alberto, le fotografie

Leggere la Bregaglia

Zaccaria Giacometti

Storia antica Bregaglia

Dinastia d'artisti

 

Giacometti Art Walk

Linea Centro Giacometti

Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di


 

Membri

 

Statements

Mario Negri

Qualcosa della sua valle, dei suoi monti, i dirupi del Piz Duan, le spaccature fendenti del Sciora, è rimasto come segno indelebile nelle sue sculture. Lo scabro, il roccioso, il ferrigno, l'impervio, il solenne, il disadorno, il solitario, il selvaggio sono rimasti in lui come radici che affondano nella sua terra.
Mario Negri, 1966