ITDE
   
Text Size

Giacometti Art Walk® in viaggio… in Svizzera

Zurigo, 3 agosto 2018 / La giornalista Pia Wertheimer ha visitato la nostra regione dall’8 all’11 luglio. A Maloja, Stampa e Chiavenna ha sperimentato la videoguida Giacometti Art Walk® prodotta dal Centro Giacometti, da quest’anno disponibile anche in versione tedesca. Oggi è stato pubblicato il suo resoconto nelle varie testate di Tamedia come il Tagesanzeiger, Der Bund e BZ Berner Zeitung. Pia Wertheimer e la redazione di Tamedia fanno così conoscere a un pubblico più largo il nostro prodotto di divulgazione culturale digitale dedicato agli artisti della famiglia Giacometti e alla gente della Bregaglia.

 

 

Giacometti Art Walk® è una applicazione per smartphones ideata e realizzata da Diego Mometti e Andrea Fenoglio assieme il loro team, mentre la parte grafica e tecnologica è a cura di ecomunicare.ch sagl. Martina Tuena ha tradotto i testi dall’italiano al tedesco, mentre la sincronizzazione dei testi parlati in tedesco è realizzata da Bavaria Synchron GmbH.

Vai alla pagina di Tagesanzeiger Der Bund Berner Zeitung

 

Da ün Giacometti e l'altar

Giacometti Art Walk

Alberto, le fotografie

Leggere la Bregaglia

Zaccaria Giacometti

Storia antica Bregaglia

Linea Centro Giacometti

Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di


 

Membri

ecomunicare 170

 

Statements

Roger Fayet

Stampa e la Bregaglia hanno rappresentato il punto di riferimento e di collegamento continuo fra quattro tra i più importanti artisti svizzeri: Giovanni, Augusto, Alberto e Diego Giacometti. Questa costellazione storica, con l’atelier ad oggi conservato e la collezione di tele nella Ciäsa Granda, offrono l’opportunità unica di presentare ad un largo pubblico l’opera bregagliotta di tutti e quattro questi artisti. L’Istituto svizzero di studi d’arte (SIK-ISEA) vede questa iniziativa con grande simpatia e si rallegra di sostenere dal punto di vista scientifico le attività per la realizzazione del Centro Giacometti.

Dr. Roger Fayet, direttore dell’Istituto svizzero di studi d’arte, Zurigo, 25.5.12