ITDE
   
Text Size

Ricognizione fotografica nei luoghi di Giacometti

“Giacometti” è una ricognizione fotografica di Giuseppe Pagano in Val Bregaglia, nei luoghi di Alberto Giacometti. Entrato nel cimitero Di San Giorgio, fra Borgonovo e Stampa, l’autore ha scorto tanti sassetti deposti su una tomba, scoprendo così il luogo di sepoltura del grande artista.
“Che strano effetto produceva quel gesto tradizionale in un luogo dove tutto è pietra, modellata dall’uomo o dalla natura: i ponti, il greto del fiume, le rive, le case, gli enormi massi nel bosco: pietra ovunque, quasi in lotta con la vegetazione per la conquista dello spazio vitale.
Nel cinquantesimo della sua morte eccomi di nuovo nei luoghi della giovinezza di Giacometti, dove – già famoso – tornava comunque spesso.

Ho camminato lentamente fra quelle poche case, concedendomi un ampio ventaglio di possibilità. Ero curioso di cogliere accadimenti visuali, tracce che potessero ricordare il carattere e le opere dell’artista; elementi su cui potesse aver posato lo sguardo, traendone – chissà – ispirazione; forme naturali che avessero misteriosamente subito l’influsso di una presenza così geniale, come se il suo sentire aleggiasse lì da allora.
Nel silenzio sono emerse esili presenze, tagli geometrici, materia lavorata, sovrapposizioni di segni: rimandi espliciti o velate allusioni. Un gioco di sponde, la sensazione di cogliere qualche frammento di una misteriosa alchimia, di tensioni converse - un tempo lontano - in un eccezionale percorso creativo.
In quella valle, dove la severa bellezza del paesaggio montano e il rigore nord alpino incontrano la dolcezza del sud, dove Giacometti osservava a lungo i più piccoli e per altri irrilevanti dettagli, qualcosa trapela ma subito scompare, ci ricorda stagioni di vita e di arte ormai passate e opere che invece rimarranno”.

 


Tutte le fotografie sono state scattate a Coltura, Stampa, Borgonovo.
Completa il libro un denso testo critico di Giovanna Gammarota, redattrice di testate culturali e anch’essa autrice.
I testi sono in italiano, tedesco, inglese. L’editore è specializzato in stampa di fotografie d’arte.

Giuseppe Pagano è nato a Como nel 1962.  La sua fotografia nasce dal silenzio, da indagini solitarie che sfociano in una espressività lirica e intimista: l’intento è quello di condurre l’osservatore oltre, alla ricerca di armonie segrete e lontane. Ha partecipato a diverse esposizioni, collettive e personali. I suoi lavori sono pubblicati su  www.giuseppepagano.eu.



Informazioni sul libro:
Titolo:  “ Giacometti”
Editore:   Polyorama Edizioni srl, Modena, Italia
Autore: fotografie e concept di Giuseppe Pagano, testo critico di Giovanna Gammarota.
Lingue:  italiano, tedesco, inglese
Pagine:  96
Fotografie:  56
Formato:  cm. 21x21
Confezione: brossura filo refe, copertina con bandelle
ISBN: 978-88-95388-33-5

Il libro è disponibile presso la cartoleria Bonazzi in P.zza Bertacchi 5 a Chiavenna, Tel. 0039 0343 32124
on line su www.hoepli.it, Ricognizione fotografica nei luoghi di Giacometti

Il libro può essere visionato presso il Centro Giacometti a Stampa

Da ün Giacometti e l'altar

Giacometti Art Walk

Alberto, le fotografie

Leggere la Bregaglia

Zaccaria Giacometti

Storia antica Bregaglia

Linea Centro Giacometti

Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di


 

Membri

 

Statements

Marco Giacometti

Wir wollen versuchen, die Kumulation von Ereignissen in jenem kurzen historischen Moment zum Ausdruck zu bringen, in dem der radikalste Bruch in der Geschichte der modernen Bildhauerei durch Alberto Giacometti entstehen konnte. Die Bergeller Begebenheiten sind dafür von zentraler Bedeutung. Als Leitidee kann die Bedeutung der Frühförderung von Talenten gelten, die nicht nur im Sport oder in MINT-Fächern für die Laufbahn von Individuen ausserordentlich wichtig ist, sondern auch bei Disziplinen mit kreativem Hintergrund. Bei der Analyse der Laufbahnen aller Giacometti-Künstler wird dies sehr deutlich.

Marco Giacometti, Präsident der Fondazione Centro Giacometti, 12.11.2017