ITDE
   
Text Size

Trio internazionale di scenografi teatrali in Bregaglia

Bregaglia, 7 e 8 aprile 2018 / Dopo le esperienze estremamente positive fatte con dei gruppi di teatro (L’Ombra della sera di Alessandro Serra con Chiara Michelini, L’uomo che voleva scomparire a cura della Compagnia teatrale I guitti) sembra aprirsi una nuova strada per una produzione che coinvolge la Bregaglia quale valle natale di Alberto Giacometti. Recentemente hanno infatti visitato la Bregaglia due registri teatrali, il polacco Marek Kedzierski e la francese Béatrice Lachaussée, nonché la neolaureata storica dell’arte italiana Virginia Marano. Il terzetto progetta una pièce dedicata alle relazioni tra Alberto Giacometti e Samuel Beckett che verrebbe mostrata in varie città europee a partire dal 2019/2020.

In Bregaglia il gruppo ha visitato i luoghi biografici di Giacometti e ha dimostrato l’interesse per svolgervi durante l'estate una settimana di lavoro onde concretizzare il progetto. Attendiamo le proposte più concrete e vedremo se riusciremo a sostenere questa iniziativa che ci sembra molto interessante e importante.

Marco Giacometti, Presidente della Fondazione Centro Giacometti

Da ün Giacometti e l'altar

Giacometti Art Walk

Alberto, le fotografie

Leggere la Bregaglia

Zaccaria Giacometti

Storia antica Bregaglia

Linea Centro Giacometti

Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di


 

Membri

ecomunicare 170

 

Statements

Guido L. Luzzatto

Cosa potrebbe essere più gradevole, per la gente che ama l'arte in funzione della vita umana, che la visita di quelle abitazioni che non si sono trasformate in luoghi di memoria morti, ma che hanno conservato l'ambiente della vita dell'artista e che sono restate così come quando il pittore vi entrava e vi usciva?
Guido L. Luzzatto, in un articolo nella "Neue Bündner Zeitung" del 20 luglio 1954 intitolato "Visita nella casa nativa di Giovanni Giacometti"