ITDE
   
Text Size

“Leggere la Bregaglia”, un’antologia di Klaus Reinhardt

Klaus Reinhardt di Soletta negli ultimi tempi visitato parecchie volte la Bregaglia. Qui ha raccolto e letto una miriade di testi che ha accuratamente raggruppato, selezionato e trascritto. La sua antologia, che vuole far conoscere la tipicità della Bregaglia, dei suoi abitanti e di alcuni dei suoi personaggi di spicco, è ora pronta per essere impaginata e pubblicata. Proprio in questi giorni la Fondazione Giovanoli di Maloggia / Maloja ha devoluto un contributo di 10'000 CHF per la pubblicazione di questo libro. La Fondazione Centro Giacometti ringrazia gli amici di Maloja per questo preziosissimo sostegno e per la fiducia accordata. Questa collaborazione permetterà di realizzare un progetto che persegue degli intenti condivisi. Leggere la Bregaglia sarà prossimamente argomento di una trasmissione su Rete 2 e verrà presentato domenica 20 maggio a Stampa.


“Leggere la Bregaglia” è un libro che raccoglie testi – fra passato e presente - scritti da abitanti oppure da persone che bene hanno saputo caratterizzare le persone di spicco o dei Bregagliotti in genere, come nel caso degli emigranti. Al lavoro, che sarà edito a cura della Fondazione Centro Giacometti, hanno collaborato Renata Giovanoli-Semadeni e Andreas Kley.

I testi raccolti da Klaus Reinhardt descrivono luoghi e persone, aspetti della vita, della politica e delle tradizioni dei Bregagliotti, le loro preoccupazioni, i loro sogni che davano forza per andare avanti, per sopportare i colpi del destino. Il libro mostra orizzonti e gli espedienti per superare le sfide quotidiane, l’umanità di un piccolo popolo con uno spiccato senso di libertà e fierezza.

Questo libro si rivolge agli abitanti dell’odierna Bregaglia. A una società che velocemente si differenzia, che si mescola con culture diverse e che inevitabilmente perde quei legami e quei tipici ritmi di un mondo contadino condizionato dallo scorrere delle stagioni e della topografia della valle. Alle nuove cerchie di abitanti che non dipendono più dall’agricoltura e dalla selvicoltura e che man mano vanno a sostituire le classiche famiglie autoctone plasmatesi nel passato. A persone che talvolta si chiedono se vale la pena vivere in un posto così discosto.

Ma “Leggere la Bregaglia” vuole offrire anche ai ragazzi delle Scuole di Bregaglia la possibilità di meglio comprendere la società e la valle nella quale crescono, per scoprire le loro origini, per contribuire a forgiare un’identità e una fierezza di cittadini di una valle alpina di lingua e cultura italiana. Per contrastare quei movimenti che non vedono che le prestazioni venute dall'esterno.

Il libro vuole aprire una finestra anche a coloro che sono alla ricerca di ragioni che spieghino un’eccezionale concentrazione di creatività nel campo dell’arte. Un patrimonio, che a mio modo di vedere è importante a tal punto da essere considerato un patrimonio dell’umanità.

Mi auguro che questa pubblicazione permetterà di ricordare e di meglio intuire lo spirito dei Bregagliotti, di questi montanari, grandi lavoratori, con prestazioni autentiche piccole e grandi, di donne, uomini e ragazzi, che man mano svaniscono dalla memoria collettiva.

ISBN 978-3-033-06565-9

Marco Giacometti, Presidente della Fondazione Centro Giacometti

Da ün Giacometti e l'altar

Giacometti Art Walk

Alberto, le fotografie

Zaccaria Giacometti

Storia antica Bregaglia

Dinastia d'artisti

 
Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di

 

Membri

 

Statements

Marco Giacometti

Wir Wir wollen versuchen, die Kumulation von Ereignissen in jenem kurzen historischen Moment zum Ausdruck zu bringen, in dem der radikalste Bruch in der Geschichte der modernen Bildhauerei durch Alberto Giacometti entstehen konnte. Die Bergeller Begebenheiten sind dafür von zentraler Bedeutung. Als Leitidee kann die Bedeutung der Frühförderung von Talenten gelten, die nicht nur im Sport oder in MINT-Fächern für die Laufbahn von Individuen ausserordentlich wichtig ist, sondern auch bei Disziplinen mit kreativem Hintergrund. Bei der Analyse der Laufbahnen aller Giacometti-Künstler wird dies sehr deutlich.

Marco Giacometti, Präsident der Fondazione Centro Giacometti, 12.11.1917