ITDE
   
Text Size

ARTE TV mostra il film girato in Bregaglia il 23 giugno

Un team del prestigioso canale televisivo franco-tedesco arte ha soggiornato in Bregaglia dal 23 al 25 marzo per realizzare un documentario su Alberto Giacometti. La realizzatrice Ursula Wernly Fergui vuole raccontare il ruolo che la Bregaglia ha svolto nella biografia e nell’opera dell’artista di Stampa. Lo spettatore sarà invitato a scoprire i percorsi biografici di Giacometti tra Stampa e Capolago nel corso della sua vita e le principali opere da lui qui ideate. La trasmissione andrà in onda su ARTE venerdì 23 giugno alle ore 13 e in seguito su ARTE +7.


Si tratta di un nuovo formato televisivo di arte.tv, Stadt Land Kunst,  che si reca sui luoghi vissuti di grandi artisti conosciuti attraverso le loro opere esposte nei musei del Mondo. Con il grande disegnatore, pittore e scultore di Stampa il canale televisivo arte ha scelto l'unico argomento bregagliotto che troverà l'interesse di un largo pubblico francese e tedesco.

Ursula Wernly Fergui è nata e cresciuta in Svizzera; dopo lo studio di storia e sociologia all’Università di Berna si è trasferita a Parigi, dove si occupa di reportage e documentari televisivi. “L’enfant du diable” è il suo film che più l’ha marcata, ma tutti gli incontri sono importanti per lei. “Nel suo lavoro mi piace essere sorpresa” dice Wernly Fergui. Pensiamo che la Bregaglia sia stata capace di farlo. Ora ci rallegriamo di scoprire il suo lavoro.

Giacometti Art Walk

Alberto, le fotografie

Dinastia d'artisti

 

Zaccaria Giacometti

Storia antica Bregaglia

Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di

 

Membri

 

Statements

Lorenzo Zanetti

Con il nome Giacometti abbiamo un marchio conosciuto a livello mondiale, che è capace di attirare gente. Questo nome ha un potenziale di sviluppo. Nel modo giusto e adeguato questo nome può essere sfruttato ottimamente. Ritengo possibile che un Centro Giacometti assuma un ruolo di faro in grado di irradiare la sua luce oltre i confini regionali.
Lorenzo Zanetti, Amt für Wirtschaft und Tourismus Graubünden, 29. Mai 2010