ITDE
   
Text Size

La strada del Muretto: nuovo progetto editoriale

Stampa e Maloja, dicembre 2016 / La Fondazione Centro Giacometti e la Fondazione Gaudenzio e Palmira Giovanoli lanciano un nuovo progetto editoriale della storica valtellinese Saveria Masa: il volume proposto riguarda un tema mai stato oggetto di pubblicazione sia sul fronte italiano che su quello elvetico, e cioè la storia del Muretto, un valico alpino tra la Valtellina e i Grigioni. Esso illustrerà e documenterà la storia di questa via di transito e commercio nel corso dei secoli, a partire dalle più antiche testimonianze preistoriche sino all’epoca contemporanea. Pur essendo impostato su un’ottica storica interregionale, il libro collocherà le vicende descritte nel contesto delle realtà locali delle valli interessate.


Il traffico lungo il passo del Muretto costituisce un argomento di particolare rilevanza per la conoscenza della storia delle regioni interessate da questa strada: Valmalenco e Valtellina, Val Bregaglia, Engadina e l’insieme dei Grigioni. Lungo questo valico furono infatti trovate le più antiche tracce di presenza umana nell’intera regione datati quasi 8’000 anni fa. Se le intensità dei passaggi nella preistoria e agli albori della storia sono difficili da interpretare, più chiari sono le caratteristiche del transito nel corso del medioevo; il Muretto fu infatti frequentemente percorso perché costituiva la direttrice più veloce e diretta per chi, provenendo dalla terra di Bergamo e dalla Repubblica di Venezia, proseguiva in Svizzera, in direzione di Coira e verso i territori tedescofoni.

Durante l’occupazione della Valtellina da parte della Repubblica delle Tre Leghe, dal 1512 al 1797, la rotta fu poi di estrema importanza quale collegamento diretto tra due importanti insediamenti: Coira, il centro di potere ed economico delle Tre Leghe e Sondrio, la sede del governatore grigione in Valtellina. Con l’invasione francese la via del Muretto vide bruscamente interrompere i transiti commerciali; da quel momento il passo si ridusse a poco più che un sentiero battuto prevalentemente da contrabbandieri e da abitanti della Valmalenco che si recavano a cercar lavoro in Engadina e di quei primi turisti, amanti della montagna, che proprio fra Otto e Novecento andavano scoprendo le bellezze delle vallate alpine. Oggi il Muretto ha una valenza essenzialmente turistica, con un interessante potenziale di sviluppo.

Il volume scritto da Saveria Masa rappresenta il frutto di un’indagine storica approfondita effettuata nel corso degli ultimi 20 anni e basato sulla ricerca dei documenti ad esso inerente, conservati presso i seguenti archivi: Archivio di Stato di Sondrio, Archivio Comunale di Sondrio, Archivio Comunale di Chiesa, Archivio Parrocchiale di Lanzada (Fondo Trioli), Archivio Comunale di Caspoggio, Archivio Cantonale di Coira, Archivio Comunale di Bregaglia, Archivio Storico di Bregaglia, Kulturarchiv Oberengadin di Samedan.
È previsto un contributo del prof. emerito Guglielmo Scaramellini, geografo e profondo conoscitore dei transiti alpini. Marco Giacometti e Guido Mazzoleni cureranno l'inquadramento naturalistico della zona.

Dal punto di vista metodologico, il volume manterrà una rigorosa impostazione scientifica per quel che riguarda le notizie descritte (stretta attinenza con i dati ricavati dalle fonti documentarie degli archivi), ma assicurerà un linguaggio divulgativo. Sarà corredato da immagini, cartine e fotografie che renderanno la lettura più gradevole.

Contenuti essenziali del progetto editoriale di Saveria Masa:
* contesto storico-naturalistico della regione tra Sondrio e Coira
* ruolo politico, commerciale e militare della regione a cavallo del Muretto
* descrizione della strada del Muretto
* circolazione, interrelazioni e organizzazione sociale delle comunità territoriali
* transiti, commercio e attività lungo la via del Muretto dal Medioevo all’età contemporanea
* la strada e il valico del Muretto nella letteratura e nell’arte
* tracce attuali della strada e opportunità di valorizzazione turistica e culturale per il futuro

A breve, le due fondazioni che si occupano dell’edizione del volume inizieranno la ricerca dei finanziamenti che renderanno possibile dapprima un’edizione in italiano (prevista entro un anno) e in seguito la versione in tedesco.

Chi fosse interessato a partecipare alla realizzazione di questo importante progetto è pregato di rivolgersi sin d’ora alla Fondazione Centro Giacometti: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. / Tel. 0041 81 834 01 40

Giacometti Art Walk

Alberto, le fotografie

Dinastia d'artisti

 

Zaccaria Giacometti

Storia antica Bregaglia

Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di


 

Membri

 

Statements

Michael Kirchner

Dal punto di vista turistico noi punteremo in futuro molto sulla cultura e specialmente su Giacometti.
Michael Kirchner, direttore Bregaglia Engadin turismo, Stampa, 31.3.10