ITDE
   
Text Size

L'uomo che voleva scomparire

La compagnia teatrale I Guitti ha rappresentato nell’ambito delle giornate di Piuro in data 2 e 3 settembre 2016 un “dialogo della natura e di uno scultore” liberamente ispirato alla vita e all'opera di Alberto Giacometti, per la regia e drammaturgia Luca Micheletti. Entrando a passi felpati nell’atelier immaginario dello scultore forse più grande del ventesimo secolo, Alberto Giacometti, quest’opera teatrale ne intreccia l’avventura umana con quella artistica, attraversandone in un viaggio caleidoscopico e onirico i luoghi della geografia e dell’anima. Sarebbe emozionante avere la possibilità di rivedere questo spettacolo in un altro contesto, in una altro luogo, ci auguriamo che questo possa avvenire. Vai al sito de “I Guitti”

Da ün Giacometti e l'altar

Giacometti Art Walk

Alberto, le fotografie

Leggere la Bregaglia

Zaccaria Giacometti

Storia antica Bregaglia

Linea Centro Giacometti

Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di


 

Membri

 

Statements

Roger Fayet

Stampa e la Bregaglia hanno rappresentato il punto di riferimento e di collegamento continuo fra quattro tra i più importanti artisti svizzeri: Giovanni, Augusto, Alberto e Diego Giacometti. Questa costellazione storica, con l’atelier ad oggi conservato e la collezione di tele nella Ciäsa Granda, offrono l’opportunità unica di presentare ad un largo pubblico l’opera bregagliotta di tutti e quattro questi artisti. L’Istituto svizzero di studi d’arte (SIK-ISEA) vede questa iniziativa con grande simpatia e si rallegra di sostenere dal punto di vista scientifico le attività per la realizzazione del Centro Giacometti.

Dr. Roger Fayet, direttore dell’Istituto svizzero di studi d’arte, Zurigo, 25.5.12