ITDE
   
Text Size

Milano illuminata dall'arte bregagliotta

Milano, 6 dicembre 2014 / Il viaggio organizzato dagli Amici del Centro Giacometti ha portato 56 persone a Milano in due eccezionali mostre di artisti bregagliotti: uno di origine, Alberto Giacometti, alla Galleria d'arte moderna, l'altro di adozione, Giovanni Segantini, a Palazzo Reale. Le visite guidate si sono svolte nelle due lingue italiano e tedesco. Dora Lardelli, la vincitrice del premio di Terra Grischuna 2014, ha curato la guida in tedesco a Palazzo Reale. Guarda le foto del viaggio culturale.

 

 

Il gruppo in visita alle mostre di Milano davanti alla Galleria d'arte moderna il 6 dicembre 2014: persone provenienti dalla Svizzera, dall'Italia e dalla Germania

Scarica la foto di gruppo ad alta risoluzione

Una sala della Galleria d'arte moderna con opere di Alberto Giacometti (c) Galleria d'arte Moderna / Succession Giacometti

 

Parte del gruppo nello Swiss Corner con i diorami segantiniani che rappresentano panorami bregagliotti ed engadinesi

Marco, Guido e Gianni si sentono quasi in
Bregaglia...
Natasha e Maria sulle scale dell'Accademia di Brera
dove studiò Giovanni Segantini

Il cortile dell'Accademia delle Belle Arti a Milano, Brera

 

Due momenti nella retrospettiva di Giovanni Segantini a Palazzo Reale

 



Da ün Giacometti e l'altar

Giacometti Art Walk

Alberto, le fotografie

Leggere la Bregaglia

Zaccaria Giacometti

Storia antica Bregaglia

Linea Centro Giacometti

Condividi

Partner scientifici

 

Con il sostegno di


 

Membri

 

Statements

Roger Fayet

Stampa e la Bregaglia hanno rappresentato il punto di riferimento e di collegamento continuo fra quattro tra i più importanti artisti svizzeri: Giovanni, Augusto, Alberto e Diego Giacometti. Questa costellazione storica, con l’atelier ad oggi conservato e la collezione di tele nella Ciäsa Granda, offrono l’opportunità unica di presentare ad un largo pubblico l’opera bregagliotta di tutti e quattro questi artisti. L’Istituto svizzero di studi d’arte (SIK-ISEA) vede questa iniziativa con grande simpatia e si rallegra di sostenere dal punto di vista scientifico le attività per la realizzazione del Centro Giacometti.

Dr. Roger Fayet, direttore dell’Istituto svizzero di studi d’arte, Zurigo, 25.5.12