ITDE
   
Text Size

“Linea Centro Giacometti”: articoli del tutto speciali

Il 25 maggio 2018, in concomitanza con l’inaugurazione della mostra “Da ün Giacometti e l’altar”, il Centro Giacometti presenterà un’anteprima di un’ESCLUSIVA collezione che vuole portare nel mondo l’opera degli artisti Giacometti. Affacciandosi con una serie di foulard e sketch book, “Linea Centro Giacometti” mette in luce la filosofia di questa nuova collezione: raffinatezza, qualità di materiali e ricerca del colore, ispirandosi alle prestigiose opere di questi artisti di fama internazionale.

Seguiranno articoli per arredamento, T- shirt e molto altro da scoprire all’interno dello shop del Centro Giacometti a Stampa, che offre al pubblico già da ora un vasto approfondimento culturale attraverso libri dedicati a chi ama l’arte.

Con i suoi prodotti di nicchia Made in Italy, la freschezza e l’originalità delle opere artistiche dei Giacometti trovano dunque nuova espressione e nuova vita.

“Linea Centro Giacometti” nasce in collaborazione con Lorella Cristofaro, disegnatrice professionista.

 

Accessorio donna, 140 x 140 cm, 72% cotone e 28% seta, Made in Italy
Tratto da:
Augusto Giacometti: Un’ascensione sul Piz Duan, 1912, olio su tela, 84 X 84 cm
Photo © Kunsthaus Zurigo





Accessorio donna, 60 x 60 cm, 100% cotone, Made in Italy
Tratto da:
Giovanni Giacometti: Vista sopra Capolago sul lago di Sils, ca. 1907, olio su tela, 51.5 x 60 cm
Photo © RMN-Grand Palais (musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Fotografie shop: Marco Riccardo

Augusto-Biografie

Geschichte des Muretto

Alberto, neuer Fotoband

Leggere la Bregaglia

Zaccaria Giacometti

Frühgeschichte Bergell

Künstlerdynastie

 

Giacometti Art Walk

Linea Centro Giacometti

Teilen

Wissenschaftspartner

 

Mit Unterstützung von


 

Mitglieder

 

Statements

Flavio Cotti

Aus dem Brief der Ulrico Hoepli-Stiftung vom 12. Juni 2014, mit dem die finanzielle Unterstützung des Buchprojektes „Giacometti. Eine Künstlerdynastie“ mitgeteilt wird: „Diese Auszeichnung erfolgt in Anerkennung der kulturgeschichtlichen Bedeutung des Werkes“.

Bundesrat Flavio Cotti, Präsident