ITDE
   
Text Size

Fotos der Reise nach Ligurien und ins Piemont

Wir präsentieren eine Serie von Fotos von Flavio Mezzera unserer äusserst interessanten und aufschlussreichen Studienreise nach Ligurien und ins Piemont vom 16. bis zum 19. September 2010.  

 

Il viaggio con Albiniano di Campodolcino

 

Anna Giacometti davanti al museo della filigrana a Campo Ligure

 

Reperto nel museo della filigrana

 

Visita di un percorso ad anello nella Val Gargassa nel Beigua Geopark (presso Rossiglione), con la guida Matteo Garofano

 

Visita del Centro visitatori nel Beigua Geopark ad Arenzano, con il direttore Maurizio Burlando

 

Visita al Centro d'informazione "Uomini e lupo" ad Entracque, con la presenza del vice-direttore del Parco delle Alpi marittime Giuseppe Canavese

Anna Giacometti con il sindaco di Entracque

 

Visita a Paralup (Val di Stura, Comune di Rittana), dove la Fondazione Nuto Revelli recupera un nucleo disabitato, accolti dal Presidente Marco Revelli e il team di architetti e di documentazione

 

A San Martino, in Valle Maira, da Maria Schneider che gestisce un posto tappa ideale per gli escursionisti

 

A Marmora, sempre in Valle Maira, visitiamo il campeggio "Lou Dahu" e il posto tappa Ceaglio dedicato ai biker

 

 

 

L'ultima tappa, per la conclusione e l'ultimo pranzo piemontese, eccellente, nel ristorante Lou Pitavin

 

... Peter Nagu, il nostro operatore che ci precede sempre di un passo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da ün Giacometti e l'altar

Giacometti Art Walk

Alberto, neuer Fotoband

Leggere la Bregaglia

Zaccaria Giacometti

Frühgeschichte Bergell

Linea Centro Giacometti

Teilen

Wissenschaftspartner

 

Mit Unterstützung von

 

Mitglieder

 

Statements

Mario Negri

There are no translations available.

Qualcosa della sua valle, dei suoi monti, i dirupi del Piz Duan, le spaccature fendenti del Sciora, è rimasto come segno indelebile nelle sue sculture. Lo scabro, il roccioso, il ferrigno, l'impervio, il solenne, il disadorno, il solitario, il selvaggio sono rimasti in lui come radici che affondano nella sua terra.
Mario Negri, 1966